• Chi siamo
  • >
  • SIHH 2017 - Clifton Club Shelby Cobra

    Clifton Club Shelby® Cobra Limited Edition

    “LO SPIRITO DI UN’ICONA”

     

    CITAZIONE DI PETER BROCK

    “Prima la funzione, poi l’estetica. Fai funzionare la forma. Poi rendila bella. Leggera e veloce.”

    Peter Brock

    CITAZIONE DI CARROLL SHELBY

    “Eravamo un gruppo di patiti delle auto truccate pronti a tutto pur di vincere. Non abbiamo mai smesso di innovare e di sfidare le convenzioni. La nostra volontà di sperimentare nuove idee, di continuare a migliorare ci è valsa un campionato mondiale.”

    Carroll Shelby

     

    “Function first, aesthetics second. Make the shape work. Then make it look beautiful. Light and fast.”

    Peter Brock

    “We were a bunch of hot rodders determined to do whatever it took to win. We never stopped innovating and challenging the status quo. Our willingness to try new ideas, to keep improving won us the world championship.”

    Carroll Shelby

    Una coupé di grande successo

    Un design d’eccezione ha il potere di emozionare al primo sguardo. E tuttavia, il suo fascino trascende l’estetica. Il vero valore di un’icona del design è la sua capacità di favorire prestazioni e precisione. È il concetto secondo cui “la forma segue la funzione”, ovvero stile e tecnica in perfetto equilibrio per creare un’esperienza unica per il fruitore. Baume & Mercier ha sposato questa filosofia della perfezione da 187 anni. Ogni nostro segnatempo è uno studio concreto sulle modalità attraverso cui il design può sviluppare appieno artigianalità e qualità. Un gioiello da custodire è un motivo d’orgoglio per chi condivide lo stesso irrequieto spirito di esplorazione, passione e fiducia.

    Come ulteriore evoluzione della collaborazione con Carroll Shelby Company avviata nel 2015, siamo lieti di ampliare l’esclusiva collezione Shelby® Cobra concentrandoci sul suo più intramontabile capolavoro di design. La nostra fonte d’ispirazione è la leggendaria Shelby Cobra Daytona Coupé*, la vettura più iconica nella storia degli sport automobilistici americani. In omaggio a questo patrimonio, Peter Brock ha collaborato personalmente con Baume & Mercier e il Responsabile del Design della Maison, Alexandre Peraldi, alla creazione di una collezione che impone un nuovo standard nello stile e nell’estetica. Il risultato è la Clifton Club Shelby® Cobra Limited Edition, una serie di cronografi d’eccezione proposti per la prima volta nella collezione Clifton. Ogni singola linea o dettaglio presenti nell’iconica Shelby Cobra Daytona Coupé sono stati reinterpretati in una forma straordinaria.

    Clifton Club Shelby Cobra
    Peter Brock

    In corsa per la vittoria

    In una costante ottica di miglioramento, Carroll Shelby si rivolse a Peter Brock, oggi riconosciuto come uno dei maggiori designer di automobili del nostro tempo, chiedendogli di progettare una nuova carrozzeria da adattare al telaio esistente della Cobra. Quindi affidò il progetto a Ken Miles, il suo migliore ingegnere di sviluppo. Nonostante lo scetticismo di molti sul successo dell’operazione, Carroll continuò a finanziare e sostenere il suo team per la messa a punto della Cobra Daytona Coupé.

    Grazie al paziente lavoro nell’affollata officina da corsa di Carroll Shelby a Venice, in California, Brock, Miles e altri membri del team riuscirono a concretizzare, contro ogni previsione, la visione di un’auto da corsa GT aerodinamica. Dal progetto all’auto finita trascorsero solamente 90 giorni, e la Daytona Coupé si rivelò vincente fin dalla prima competizione nel 1964.

    A poca distanza dalla prima gara della stagione 1964, il team portò l’ultima nata in casa Shelby a Riverside per la prova su pista. Dopo soli 20 giri, il responsabile corse nonché pilota campione della Shelby Ken Miles si avvicinò a Carroll Shelby per comunicare il suo verdetto: la Daytona Coupé non era solo velocissima, ma anche magnificamente equilibrata e stabile. Era pronta a gareggiare così com’era, senza alcuna modifica.

    La tenacia di Shelby aveva dato i suoi frutti. Durante la spettacolare stagione iniziale, la Daytona Coupé si ritrovò più volte nella cerchia dei vincitori. Quello stesso anno, Dan Gurney e Bob Bondurant erano alla guida della Shelby Cobra Daytona Coupé (CSX2299) quando vinsero a Le Mans nella categoria GT, la prima vittoria di una 24 Ore messa a segno da un’auto americana. In quell’occasione, i due piloti incendiarono gli animi con un’infuocata performance a 315 km/h sul famoso rettilineo di Mulsanne (58 km/h in più rispetto all’acclamata Cobra small block).

    Clifton Club Shelby Cobra
    Clifton Club Shelby Cobra

    Nonostante la velocità sorprendente mantenuta dalla Shelby Cobra Daytona Coupé per l’intera stagione, il team rimase vittima del ricorso di Ferrari ai suoi agganci politici con la FIA per abbreviare la stagione ’64. La Daytona Coupé tornò in gara nel 1965 dominando la scena. Da Sebring e il Nürburgring alla 24 Ore di Le Mans, Shelby schierò sei Daytona Coupé per regalare all’America il suo primo titolo mondiale nella categoria GT, coronato a Reims il giorno dell’Indipendenza degli Stati Uniti: il 4 luglio 1965.

    A fine stagione, la CSX2287 stabilì 25 record mondiali di velocità nei campionati USAC/FIA correndo sul polveroso deserto salato di Bonneville Salt Flats. I successi furono dovuti al design aerodinamico della Shelby, che raggiunse prestazioni senza precedenti.

    Sebbene la Daytona Coupé non abbia mai più gareggiato, divenne un simbolo del design futuristico, tanto che attualmente i sei modelli originari valgono ciascuno parecchi milioni di dollari. Da allora, il suo DNA da campione si ritrova comunque in ogni autovettura prodotta. Dopo che il potenziale insito nella moderna aerodinamica fu svelato da Peter Brock e Carroll Shelby, ogni designer volle trarne gli stessi vantaggi. La carrozzeria dalle linee sinuose, il tetto filante e la coda tronca della Daytona Coupé sono ormai uno standard nel settore.

    A distanza di 50 anni, Peter ha ripreso il progetto originale da lui elaborato per collaborare in prima persona con Baume & Mercier alla creazione dei Clifton Club Shelby® Cobra Limited Edition. Secondo Peter, “L’estetica della Daytona era fondamentale, e lo stesso vale per il cronografo. Non è necessario guardarlo da vicino per ammirarne la bellezza. La Daytona Coupé si riconosce anche a distanza. Ogni dettaglio rispecchia l’originale nella forma e nell’essenza.”

    Alla luce della sua esperienza, Peter propone un ultimo paragone tra auto e cronografo. “Si può scegliere di essere conservatori, o cercare l’originalità. È questo il nostro approccio con il Clifton Club Shelby® Cobra Limited Edition. Un autentico cronografo diverso da qualsiasi altro.”

    Clifton Club Shelby Cobra
    Clifton Club Shelby Cobra

    Quando il design si fa icona…

    Baume & Mercier è lieta di presentare un raro cronografo, memorabile omaggio alla Shelby Cobra Daytona Coupé, destinato a diventare un oggetto da collezione. Come tributo al record di velocità (196 mph, ovvero 315 km/h) stabilito dalla Daytona sul circuito di Le Mans nel 1964, saranno prodotti solo 196 esemplari, ognuno numerato singolarmente, a testimonianza del posto occupato in questa collezione esclusiva.

    Animato da un movimento automatico Swiss-made di manifattura (La Joux-Perret 8147-2) con funzione cronografo flyback, l’orologio consente di spostarsi da un’indicazione del cronografo all’altra premendo semplicemente un pulsante. La cassa con diametro 44 mm è realizzata in titanio e acciaio inossidabile a finitura lucida/satinata, materiale leggero e ad alta resistenza. Lo rende assolutamente unico il quadrante ispirato a Peter Brock, che richiama la veste cromatica mezza blu e mezza argento della Shelby scelta per la coda della Daytona come segno distintivo di autenticità. Incorniciano il quadrante bicolore i moderni numeri arabi, mentre ai contatori orizzontali del cronografo a finitura colimaçon si contrappone la scala tachimetrica che sottolinea il record di velocità di “196 mph”.

    Tra le lancette illuminate da un rivestimento in Superluminova* C1 ad emissione blu spicca la lancetta dei secondi cronografici rosso vivo, che sfoggia l’iconico logo Cobra creato da Peter Brock per contrassegnare il marchio Shelby. Facendo scorrere le dita lungo i bordi si scoprono dettagli a prima vista poco visibili. Primo fra tutti, l’esatta riproduzione dei pedali, posizionata su entrambi i lati della corona per gestire le funzioni del cronografo. Dall’altro lato, lo stemma Cobra è inciso lateralmente sulla cassa in omaggio alla potenza del motore Cobra 289.

    Completa il brillante design il cinturino in pelle di vitello blu che simula l’aspetto della fibra di carbonio automotive, rivestito in morbido vitello simil caucciù nero e ravvivato dalle cuciture rosse. Sul retro sono rappresentate in tutto il loro splendore le leggendarie ruote della Daytona Coupé, incorniciate dall’incisione del nome della collezione e della dicitura che ne attesta l’edizione limitata.

    Il Clifton Club Shelby® Cobra CSX2299 è racchiuso in un elegante cofanetto nero e argento, che include un esclusivo modello in scala 1:43 della Shelby Cobra Daytona Coupé, tanto apprezzata dai collezionisti. Al cofanetto è allegata, inoltre, una speciale brochure che presenta la storia della Daytona Coupé: un omaggio per dimostrare tutta la nostra gratitudine.

    *Super-Luminova è un marchio registrato che non appartiene a Baume & Mercier

    Clifton Club Shelby Cobra

    OTHER SECTIONS



    OROLOGI DA UOMO 

    OROLOGI DA DONNA 

    TROVA UN OROLOGIO